Grotta Trabacche Cava Paradiso La capra d'Oro Cava Misericordia Torre San Filippo

 

La capra d'Oro

Le foto panoramiche   

 

Leggende di “truvature” in Sicilia e animali-guardiani

Il già citato territorio della ex Contea di Modica è anche teatro di una delle più celebri leggende legate all’esistenza di un tesoro nascosto; in essa, vi si sente chiaramente l’eco di toni sabbatici al quale va aggiunto quell’alone di mistero e curiosità sempre presente nelle credenze plutoniche. In questo caso, la protagonista della tradizione è una capra, simbolo araldico della nobile famiglia di origini iberiche dei Cabrera. Pare infatti che, ai tempi in cui esercitò il proprio signoraggio sul territorio (XIV-XV secolo), il conte Bernardo Cabrera seppellì una capra tutta d’oro all’interno di una grotta nei pressi di Modica, garantendo la stessa mediante un incantesimo. Ancor oggi si narra che, per venire in possesso di tale tesoro, mai più recuperato, occorra recarsi presso la Grotta di Capra d’oro (a questo punto, è facilmente intuibile l’origine del nome dato al luogo) e compiere un sacrificio rituale. Esso va eseguito la notte di Natale da parte di tre preti che abbiano lo stesso nome di battesimo, siano coetanei tra loro e provengano da tre comuni diversi: in presenza di tali elementi, «al primo canto del gallo», essi dovranno scannare un caprone all’interno della grotta e berne, «ciascuno di loro […] tre gocce di sangue: e allora la capra sorgerà di sotto terra belando» (Guastella 1876: CXII).
L’intero territorio siciliano, dunque, rappresenta una fonte inesauribile tanto di suggestioni quanto di contaminazioni tra sacro e profano, così come dimostra il fatto stesso che buona parte delle superstizioni popolari legate alle truvature si svolgano in prossimità di luoghi sacri, in un processo ininterrotto di attribuzione di significati, poteri e cariche simboliche varie. Tutt’oggi, così, numerosi luoghi dell’isola sono riconosciuti come teatro di vicende legate alla presunta presenza di tesori nascosti e di persone che abbiano improvvisamente raggiunto una condizione di benessere economico, si usa laconicamente dire: “scupriu ‘a truvatura”!

fonti internet

          

 

 

Home ] Su ] Grotta Trabacche ] Cava Paradiso ] [ La capra d'Oro ] Cava Misericordia ] Torre San Filippo ]